La Scuola in Ospedale


Fare scuola in ospedale tramite un progetto di "tutela globale" del Bambino ospedalizzato
L'idea è quella di curare i pazienti senza mai dimenticarsi
dei loro bisogni come bambini e come persone.

Bambini che si perdono nel bosco

Quando un bambino entra in ospedale, è come se fosse portato nel bosco, lontano da casa.

Ci sono bambini che si riempiono le tasche di sassolini bianchi, e li buttano per terra, in modo da saper ritrovare la strada anche di notte, alla luce della luna.
Ma ci sono bambini che non riescono a far provvista di sassolini, e lasciano delle briciole di pane secco come traccia per tornare indietro. E’ una traccia molto fragile e bastano le formiche a cancellarla: i bambini si perdono nel bosco e non sanno più ritornare a casa.

bosco


illustrazione
Questa introduzione, adattata dal libro di Andrea Canevaro “I bambini che si perdono nel bosco” (La nuova Italia, Firenze, Ristampa 1995) ci aiuta a capire quale dovrebbe essere lo scopo principale di una attività (sia essa educativa, ludica, psicologica) svolta con bambini, bambine, ragazze e ragazzi che si trovano ricoverati in ospedale. E questo scopo dovrebbe essere proprio lasciare dei sassolini, cioè delle tracce, dei segnali, che aiutino chi entra in ospedale per la prima volta ad assicurarsi una via di uscita, a ritrovare la strada che conduce al proprio mondo domestico, divenuto improvvisamente così lontano e remoto. L’idea di traccia, di segnale, ci richiama il concetto di comunicazione. E per comunicare bisogna anzitutto avere un linguaggio (cioè un modo di lasciare e leggere le tracce) simile, o quantomeno comprensibile da chi ci ascolta.

In altre parole la scuola, se vuole esercitare il proprio ruolo di agenzia educativa anche all'interno dell'ospedale, dovrebbe sapersi adattare a svolgere una serie di attività (tra le quali anche quella curricolare più tradizionale) adatte ad aiutare il bambino, la bambina, il ragazzo o la ragazza a creare un percorso cognitivo, emotivo, sociale che gli consenta, da un lato, di mantenere i legami con il proprio ambiente di vita, dall'altro di comprendere (naturalmente in maniera adeguata) la realtà dell'ospedale.
bambina


Il progetto educativo

(nota: i links in italico non sono ancora attivi!)

Un progetto educativo per bambini in ospedale dovrebbe dunque:

Una scuola che volesse ignorare la realtà propria del bambino, del suo passato, del suo presente e del suo futuro per concentrarsi esclusivamente sul lavoro più propriamente contenutistico (la lezione di matematica, seguita da quella italiano e così via) svolgerebbe forse il ruolo di una agenzia dell'istruzione, ma è indubbio che ignorerebbe gran parte dei bisogni del bambino ospedalizzato.

 

Per saperne di più...
Ti ricordo che l'associazione Gioco e studio in Ospedale organizza un completo corso di formazione su questi argomenti!


Hai realizzato un progetto particolare o un'attività interessante?
saremo lieti di inserirla in questo sito.

Home Page Italiana | English Home Page
Come fare scuola in ospedale | La rete multimediale | I lavori dei bambini
Il Comitato dei Genitori | Indirizzario Nazionale dei Genitori | Federazione Italiana dei Genitori
Bibliografia ragionata | Carta dei Diritti | Ringraziamenti |